Disagi nella sfera alimentare: come riconoscerli ed evitarli

Il cibo e il modo con cui ci si alimenta sono carichi di significati simbolici e valoriali che riflettono anche ciò che si ha imparato dall’esperienza, le conoscenze acquisite e trasmesse. Per gli esseri umani è sempre difficile stabilire un confine tra ciò che è bisogno ed il culturale, perchè queste due dimensioni si intrecciano. L'obiettivo dell'educazione alimentare è tener conto di entrambi.

Come fare a cambiare le abitudini alimentari scorrette: l'educazione alimentare

Le scorrette abitudini alimentari non sono azioni prive di senso, ma modalità ben dotate di senso utilizzate spesso a partire dall'infanzia o adolescenza per raggiungere scopi personali e sociali significativi.

La relazione formativa come elemento chiave dell’intervento, assieme alla elaborazione di un nuovo piano nutrizionale, permette di ritrovare un nuovo e diverso equilibrio con se stessi, col cibo e di tornare ad ascoltare il proprio corpo le sensazioni e le emozioni negate; permette di tornare a dialogare con gli altri, ma soprattutto con se stessi.

La consulenza pedagogica, la cui essenza è la comunicazione liberata dal giudizio e dalla valutazione, può diventare lo strumento per sostenere e potenziare le risorse di ogni nucleo familiare o persona, in un'ottica di empowerment.


L’approccio pedagogico può, attraverso il percorso formativo, stimolare riflessioni sui comportamenti non funzionali legati al cibo, promuovere le abilità del soggetto non legate al cibo, sostenere e motivare il cambiamento delle abitudini alimentari e guidare il soggetto nella ricerca di attività alternative ai metodi di compenso divenuti abituali.

Il ruolo della consulenza pedagogica è necessariamente distinto da quello sanitario, in quanto da sempre la pedagogia si rivolge alla cura della persona intensa non come individuazione di tratti patologici da curare e rimuovere, ma come percorso formativo che promuove il cambiamento, e quindi il benessere come costante ricerca di una propria armonia in rapporto a se stessi e gli altri, attraverso percorsi specifici e individualizzati di crescita e formazione soggettiva.